Home Autore Fumetti Ambientazione Galleria
cenni storici mare e pesca spiaggia laguna
borghi chiese centro storico casoni
Museo litugico e Campanile Santuario della Madonna dell'Angelo
Chiesa Madonna del Rosario di Pompei altre chiese nel territorio comunale

CHIESA DI SANTA MARIA ELISABETTA (Località Brian).

La piccola chiesa fu eretta nel 1687 per opera di Francesco Antonio Boscaroli, Vescovo di Caorle dal 1674 al 1679. Restaurata una prima volta nel 1732 dal conte Giorgio Cottoni il quale assicurò anche un fondo annuo di quaranta ducati veneziani purché si celebrasse ogni anno la Santa Messa festiva, fu benedetta l’anno successivo.
Nel 1890, a causa delle pessime condizioni della struttura, Il Patriarca di Venezia Domenico Agostini né decretò la chiusura e solo nel 1897, a seguito dei lavori di restauro eseguiti dalla famiglia Ravagnan di Chioggia, allora proprietaria della chiesa, venne riaperta ai fedeli.
La chiesa, attualmente di proprietà della famiglia Romiati, funzionò fino all’anno 1963 quando al Brian fu costruita la nuova chiesa parrocchiale.

CHIESA DELLA RESURREZIONE (Località Ca’ Cottoni).

Con la benedizione del Vescovo Giovanni Vincenzo De Filippi, nel 1720, iniziò la costruzione dell’Oratorio costituito da una piccola chiesa priva di sacrestia che fu poi benedetta dallo stesso Vescovo nel Novembre del 1721. Nemmeno il campanile fu costruito allora e solo in seguito, nel 1750, alla chiesa furono aggiunte le navate laterali.
Sulla facciata della chiesa si trova uno stemma in marmo del Vescovo Francesco Antonio Boscaioli, mentre al suo interno sono interessanti gli altari in legno intagliato delle due navate laterali ed una pala del Settecento raffigurante la Resurrezione con angeli ai lati, sull’altare maggiore.

CHIESA DI SAN GIOVANNI BATTISTA (Località Ca’ Corniani).

La chiesa di San Giovanni Battista fu costruita nel 1920 con un corpo di fabbrica ad una unica navata e due appendici minori laterali ad uso sacrestia. Nel 1953 fu eretta a Curazia indipendente (chiesa secondaria alle dipendenze di una Parrocchia e amministrata da un curato) e costituita in Parrocchia nel 1961 ad opera di D. Felice Marchesan. Al suo interno è molto interessante la statua lignea di S. Giovanni Battista posta in fondo all’abside.

CHIESA DI SAN GIORGIO (Località S. Giorgio di Livenza).

Situata nel territorio che fino al 1570 era sotto la Parrocchia di Torre di Mosto, appartenente al comune di Caorle ma annessa alla diocesi di Vittorio Veneto (l’antica Ceneda), la Chiesa di S. Giorgio agli inizi del secolo XVII si trovava in condizioni assai precarie. Nel 1746 il Vescovo Lorenzo Da Ponte concesse agli abitanti di San Giorgio di Livenza di demolire la chiesa allora assai piccola, e di edificarne una nuova che venne però distrutta durante il conflitto della prima guerra mondiale e solo nel 1928 fu costruita quella l’attuale.

CHIESA DI SAN GAETANO DA THIENE (Località San Gaetano).

L’antico Oratorio, che ancora si può ammirare, venne eretto nel 1797 ed era di proprietà della famiglia Contarini Dal Zaffo. In seguito divenne proprietà del Barone Franchetti.
Poco lontano, sull’altra sponda del canale, nel 1949 fu costruito un asilo che successivamente fu trasformato in chiesa. Nel 1959 divenne chiesa parrocchiale quando fu costituita la parrocchia di San Gaetano. Una statua in legno di San Gaetano proveniente dalla Val Gardena ed un Crocifisso ligneo del XVII secolo, sono degni di nota.

CHIESA DEL SS. NOME DI MARIA (Località Marango).

La chiesa fu eretta nel 1704 per opera del nobile portogruarese Pietro Duodo e benedetta nello stesso anno. Venne costituita in Parrocchia nel 1953.
Fu molto frequentata anche dai pescatori di Caorle, quando nei periodi di pesca in laguna soggiornavano nei vicini casoni.
Di particolare interesse sono l’altare settecentesco in legno proveniente dalla cappella privata dei conti Michiel nel palazzo dei Santi Apostoli in Venezia ed il grande Crocifisso ligneo del ‘400.

CHIESA DI SAN BARTOLOMEO (Località Brussa).

La chiesa, costruita nel 1939 dai fratelli Lovati, proprietari del luogo, è stata dedicata a S. Antonio Abate e consacrata dal Vescovo ausiliare di Venezia Mons. Augusto Gianfranceschi nel 1954.
Nel 1961 la curazia divenne parrocchia, intitolata all’Apostolo S. Bartolomeo a ricordo di una antica chiesa dedicata al Santo eretta in una isola della laguna.

Daniele Barbaro

Bibliografia:
A. MOZZAMBANI E G. PAVESI (a cura di) - Caorle il duomo e il museo, Artegrafica s.r.l., Verona 1982
PARROCCHIA SANTO STEFANO DI CAORLE (a cura di) - 950° della dedicazione del Duomo (1038-1988), Tipolitografia Grafiche 3 snc, Caorle 1988
PARROCCHIA “SANTO STEFANO PROTOMARTIRE” – CAORLE (a cura di) - Parrocchia, Santo Stefano Protomartire Caorle. Fede, storia, tradizioni, devozione, Tipolitografia Capiotto, Caorle 2000
BIBLIOTECA CIVICA DI CAORLE - Caorle: memoria e tradizioni, Tecnostudio S.r.l. Torino, 2002
COMUNE DI CAORLE – Vivi la città, La Litografiaca, Capri (Mo), 2003
CATTAPAN M., Caorle – Guida storico/artistica, Venezia 1979
VINICIO DONA’ E GIANNI PREVARIN - Caorle cinquant’anni di storia in bianco e nero, Arti Grafiche Conegliano s.p.a., Susegana TV 1994

inviatemi i vostri pareri e consigli © 2009 Caorlotti.it